//
GLI ARTISTI: Omaggio artisti contemporanei

Omaggio artisti contemporanei

 

Laura Zeni

Laura-Zeni

Laura Zeni si diploma all’Accademia di Brera con Raffaele De Grada. Già dagli anni ’80 è in diverse mostre. Nel 2008 è al Fuori Salone del Mobile con Jannelli & Volpi. Nel 2012, alla MyOwnGallery Superstudiopiù, Milano, inaugura la personale “Laura Zeni. Illuminazioni” a cura di Fortunato D’Amico. Nel 2013 espone a Spazio Tadini (Mi) con la mostra “Laura Zeni. Indian Pattern” a cura di Fortunato D’Amico. Partecipa alla collettiva “Be on the move. Il movimento del corpo e della mente” presso il Macs/Mazda Con-Temporary Space (Mi) e alla rassegna “Arte da mangiare” nei chiostri dell’Umanitaria (Mi). Realizza, per la presentazione della nuova moto Scrambler/Borile, la Testa Scrambler. Nel 2013 è al Spoleto International Art Fair e al Macef, all’Umanitaria, Brerart, C.A.M Falcone e Borsellino e al Depuratore di Milano. Partecipa alla IV edizione del Festival “Coreografia d’Arte 2013”. Per Fiera ArteCremona 2014 espone presso la sala degli Alabardieri. La collettiva “Statements” curata da Ivan Quaroni la vede a Circoloquadro di Milano. Attualmente vive e lavora a Milano. http://www.laurazeni.it/

Il coreografo che ha lavorato con Laura Zeni è Andrea Zardi, in collaborazione con Riccardo Meroni. Ha creato lo spettacolo Relation_Á bout de souffle ispirato alle opere di Laura Zeni. Clicca qui

Maria Cristina Carlini

MariaCristinaCarlini

Maria Cristina Carlini

Maria Cristina Carlini inizia a lavorare la ceramica nei primi anni Settanta a Palo Alto in California. Rientra in Europa nel 1978. Nel 1983 tiene una personale alla Rocca di Angera e dal 1984 alterna le prime mostre con corsi di perfezionamento presso il Californian College of Arts and Crafts di Oakland – S. Francisco, dove si avvicina alla nuova corrente artistica ‘New Ceramics’.

Proseguono mostre in tutta Europa: a Parigi nel 1992 partecipa a “Découvertes 92” al Grand Palais; in seguito espone a Bruxelles, Milano, Bologna, Reggio Emilia, Laveno Mombello, Angera e Bergamo. Il suo percorso artistico comprende mostre personali e collettive in numerose sedi pubbliche e private internazionali. Diverse sue sculture monumentali sono collocate in permanenza in importanti città del mondo e fanno parte di collezioni private in Italia e all’estero.

Diversi i premi conseguiti. È nominata Guest Professor alla Shandong University of Art and Design di Jinan.

Numerose pubblicazioni hanno punteggiato l’attività artistica di Maria Cristina Carlini negli anni, si ricordano le case editrici Mudima e Skira. Hanno scritto di lei tra gli altri: Luciano Caramel, Claudio Cerritelli,Martina Corgnati, Gillo Dorfles, Carlo Franza, Flaminio Gualdoni,Yakouba Konaté, Elena Pontiggiahttp://www.mariacristinacarlini.com/it/index.html

L’Ospite d’Onore, il coreografo torinese Daniele Ninarello, apprezzando l’idea di Coreografia d’Arte, ha deciso di “rivedere” la sua creazione Non(leg)azioni, alla luce dell’incontro con le sculture di Maria Cristina Carlini. Clicca qui 

maria-cristina-carlini-fare-secondo-natura-mo-L-42SKoI

maria-cristina-carlini-fare-secondo-natura

Patrizio Vellucci

Nato a Gaeta il 24/04/48 , laureato in ingegneria e con una carriera sviluppata in ambito manageriale. Fin dall’infanzia dedito, da autodidatta, al disegno ed alla pittura nell’ambito figurativo del ritratto e della natura morta, sviluppa una conoscenza della arte moderna e contemporanea negli anni 1982/1986, durante gli studi alla Accademia di Brera ove si diploma con 30 e Lode in Pittura. Viene subito selezionato per la partecipazione al 1° Laboratorio –Giovani artisti Alla Galleria S. Fedele Di Milano, iniziando così la sua attività espositiva. Prosegue la propria ricerca partecipando, prevalentemente ad esposizioni collettive, saltuariamente fino all’abbandono della attività manageriale a favore della attività artistica. Svolge la propria attività nello studio sito in Via Vallarsa 11 a Milano. www.patriziovellucci.it

La coreografa che ha lavorato con Patrizio Vellucci è Sisina Augusta | Compagnia Sisina Augusta, che ha dato vita alla performance “Strega” ispirata alla scultura Strega di Patrizio Vellucci. Clicca qui.

Patrizio Vellucci

Patrizio Vellucci, Strega

 Lucio Perna

Lucio-Perna

 

Lucio Perna, attualmente in mostra a Spazio Tadini all’interno della collettiva di Coreografia d’Arte Festival 2013, della collettiva Save my dream Patrocinata dal Comune di Lampedusa e Linosa, e già in mostra – sempre a Spazio Tadini – nel 2012 con Dialoghi e Coreografia d’Arte 2012, nel 2011 Soldi d’artista, 2010 Natività e Geografia Emozionale, 2009 Muri dopo Berlino, ha esposto in numerose gallerie italiane ed europee, in importanti Centri d’arte e cultura.

La pittura di Perna, in oltre vent’anni di attività, si sviluppa alla ricerca di un linguaggio che partendo da una figuralità emblematizzante (il ciclo delle “Sirene” 1972-80 e quello delle “Maschere” 1980-88), giunge all’attuale ricerca simbolica (I Miraggi) iniziata alla fine degli anni 80. Con i più recenti lavori, (OLI e TECNICHE MISTE) sintetizzando le precedenti esperienze e seguendo un processo multimediale, Perna traccia un percorso di ricerca molto personale che travalica l’etichetta dell’astrazione o il richiamo informale.

Nei suoi lavori si legge un gesto liberatorio che lacera e crea. Di volta in volta si muove come un geologo o un topografo declinando sulle superfici le emozioni attraverso aggiustamenti tonali e modulati spostamenti prospettici. La concezione dello spazio, pur non rinunciando ad una certa tensione prospettica, dà più il senso dell’illusione, del miraggio come simulazione della visibilità. Miraggio poeticamente inteso e rappresentato come ironico inganno dove la relazione non è più tra vicino e lontano, come nell’ordine classico, ma tra visibile ed ignoto.

Lo spazio dell’immagine si espande come una “magia cromatica”. Le strutture vengono ridotte all’essenziale.
Segni, forme, colori si fondono nella sua iconologia in “silenziosi messaggi di parole mai dette”: un linguaggio-stile fatto di silenzi. Lo spazio sensibilizzato nell’opera tende ad uscire dalla limitata superficie traizionale verso dimensioni, spazialità nuova, diversa,”virtuale”.

Ricerca espressiva questa che avvicina Perna al movimento artistico- culturale “GEOGRAFIA EMOZIONALE”, nato negli Stati Uniti America al l’inizio di questo nuovo secolo, del quale ? teorica Giuliana BRUNO,docente ad Harvard, e che in Italia è sostenuto e divulgato dalla rivista “ARIA”. http://www.lucioperna.it/

Lorenzo Meid Pagani, danzatore e performer è abbinato all’artista Lucio Perna. Clicca qui

L’opera con la quale si è relazionato è Trittico Bidonville

Lucio Perna

Lucio Perna

 Pier Toffoletti

Pier-Toffoletti

Nasce nel 1957 in provincia di Udine. Nel 1976 si diploma presso il Liceo artistico di Udine. La sua passione per la pittura è molto precoce. Nel 2012 ha esposto ad ART BASEL MIAMI e nel 2011 alla 54a Biennale di Venezia, sempre nel 2011 personale presso il Palazzo Molino Stucky a Venezia. Ha partecipato al oltre duecento mostre personali e collettive fra le quali nel 2009 alla Villa Farsetti di Santa Maria di Sala (VE). Nel 2008 mostra personale presso il Museo Correr di Venezia, al Palazzo Senato a Milano e ad OPEN XI al Lido di Venezia. Nel 2007 ha esposto a Verona al Palazzo della Gran Guardia. Nel 2005 personale presso il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Arezzo, espone con i giapponesi al Palazzo Scuola Grande San Giovanni Evangelista a Venezia. Nel 2004 espone presso il Consolato Generale d’Italia a Coral Gables e all’Art Center in Lincoln Road a Miami. Nel 2002 invitato dall’Asahi Art Communication di Tokyo espone al Palazzo Zenobio a Venezia e nel 1999 presso l’Istituto Italiano di Cultura a Tokyo. Numerose anche le sue partecipazioni ad importanti Fiere internazionali d’arte, tra cui Madrid e New York, Yokohama, Las Vegas, Philadelphia, Innsbruck, Strasburgo e sue opere si trovano presso Enti pubblici e collezionisti privati in Austria, Belgio, Croazia, Germania, Giappone, Francia, Lussemburgo, Olanda, Slovenia, Spagna, Svizzera, Ucraina, Stati Uniti d’America. http://www.piertoffoletti.com/index.php/it/

La coreografa che ha lavorato con Pier Toffoletti è Valentina Versino | Why Company. Insieme hanno dato vita alla performance Rumore Bianco. Clicca qui

Valentina-Versino-Pier-Toffoletti-PhGiuliaVirgara1

Valentina Versino – Pier Toffoletti
Ph GiuliaVirgara

Alessandra Angelini

alessandra-angelini-tra-le-sue-opere-in-blu

Alessandra Angelini intraprende la carriera artistica dopo il diploma in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera con una tesi sui “Rapporti tra musica e pittura nelle regole del Bauhaus”. La musica è elemento caratterizzante della sua poetica. Armonia pittorica e ritmica musicale si legano nella ricerca di una forma espressiva in cui il colore incontra il supporto in una sorta di danza del segno. La musica è anche scintilla dalla quale scaturiscono emozioni, una melodia che accompagna il gesto, come nei luminogrammi degli anni ‘90. Si dedica a più linguaggi espressivi: pittura, incisione, grafica, scultura, fotografia. Con una particolare attenzione allo studio dello spazio in cui l’opera va a inserirsi. Sconfinando nel design e nella scenografia. È questo il caso delle numerose opere e arredi realizzati in legno e con resine plastiche. Partecipa a numerose mostre personali e collettive in Italia, Stati Uniti, Cina, Germania, Gran Bretagna, Australia, Polonia, Svizzera. Vive e lavora tra Milano e Pavia. È membro di VISARTE, Associazione Artisti Svizzeri. http://www.alessandraangelini.org/

Il coreografo che ha lavorato con Alessandra Angelini, ispirandosi ad alcune sue sculture, è Pietro Pireddu | Maktub Noir. Clicca qui

Alessandra Angelini

Alessandra Angelini

 Isa Locatelli

isa-locatelli

Nata a Milano, si diploma all’Accademia delle Belle Arti di Brera dopo essersi dedicata per dieci anni allo studio del pianoforte presso il Conservatorio Giuseppe Verdi. Allieva di Luciana Manelli, docente di pittura dal 1971 all’Accademia, la quale fu allieva di Silvio Consadori e Ugo Vittore Bartolini. Per Locatelli la Manelli fu una guida importantissima, dal suo insegnamento attinge energia, tecnica e passione. Inizia l’attività artistica alla fine degli anni Ottanta. Partecipa a numerose mostre tra personali e collettive in Italia e all’estero. Alcune sue opere sono in permanenza a Washington e collezioni private in Svizzera, Francia, Germania e Inghilterra. http://www.isalocatelli.com/

Il performer che ha lavorato con Isa Locatelli su l’opera L’Amour è Alessandro Amici. Insieme hanno dato vita alla performance L’Amour. Clicca qui

Isa-Locatelli-lamour-tecnica-mista-su-tavola-70x60x10

Isa Locatelli, L’amour

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

PER PRENOTAZIONI AGLI SPETTACOLI DI COREOGRAFIA D’ARTE 2013

TEL.0226829749 OPPURE INVIARE MAIL A ms@spaziotadini.it Costo ingresso: ridotto (tesserati e under 25) 8 euro 10 euro per ex empals 12 euro intero

PROGRAMMA FESTIVAL

CLICCA PER INGRANDIRE

PROGRAMMA FESTIVAL DAL 14 AL 21 DICEMBRE

CLICCA PER INGRANDIRE

APERTURA E CHIUSURA FESTIVAL


FEDERICAPAOLA CAPECCHI
COMPAGNIA OPIFICIOTRAME: Alessandro Amici, Veronica Gambini, Anna Lisa Morelli, Elena Rossetti, Stefano Roveda.
VENERDI' 29 NOVEMBRE MAN RAY - In quarta persona
GIOVEDI' 19 DICEMBRE EMILIO TADINI Studio coreografico in progess su L'occhio della pittura
SABATO 21 DICEMBRE
MAN RAY - In quarta persona




Ospite d’Onore

OSPITE D'ONORE

DANIELE NINARELLO
VENERDI' 20 DICEMBRE
UNICA DATA




I COREOGRAFI DELLA IV° EDIZIONE: 2013


SORAYA PEREZ
COMPAGNIA DEI TRANSITI Soraya Perez, Edy Quaggio
DOMENICA 1 DICEMBRE
SABATO 14 DICEMBRE
acquasumARTE
Maurizio Capisani, Francesco Cimino, Sabrina Conte e Sonia Conte
                  SABATO 30 NOVEMBRE
DOMENICA 1 DICEMBRE
VALENTINA VERSINO
WHY COMPANY
SABATO 7 DICEMBRE
DOMENICA 8 DICEMBRE

SISINA AUGUSTA
COMPAGNIA SISINA AUGUSTA
VENERDI' 6 DICEMBRE

LORENZO MEID PAGANI
SABATO 7 DICEMBRE
DOMENICA 8 DICEMBRE

ANDREA ZARDI - RICCARDO MERONI
VENERDI' 13 DICEMBRE
SABATO
14 DICEMBRE

PIETRO PIREDDU
MAKTUB NOIR
DOMENICA 15 DICEMBRE
doppia replica pomeridiana e serale



Ideatori di Coreografia D’Arte

FRANCESCO TADINI
Fondatore di Spazio Tadini e di Milano Arte Expo MAE International Art Events.
Regista, autore di programmi televisivi, esperto in comunicazione pubblica e pubblicitaria.
FEDERICAPAOLA
CAPECCHI
Coreografa,danzatrice. 
Socia Responsabile Danza, Teatro e Musica di Spazio Tadini. Pubblicista.



Articoli recenti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: